Pappo

Pappo è un matematico greco di cui possediamo scarse notizie riguardanti la sua vita: sappiamo che è nato intorno al 290 ad Alessandria e che qui ha trascorso gran parte dei suoi anni.
Ultimo grande matematico della scuola alessandrina, nel periodo tardo ellenistico; scrisse commentari agli 'Elementi' di Euclide e all' 'Almagesto' di Tolomeo.
La sua opera principale, la 'Collezione matematica' scritta intorno al 320, riveste particolare importanza dal punto di vista storico perché oltre all'esposizione completa e sistematica delle conoscenze dell'epoca, riporta talora interi brani delle opere che erano alla base dell'insegnamento della matematica ad Alessandria, oggi in gran parte perdute. L'opera, che si compone di otto libri quasi tutti pervenutici, contiene una serie di problemi geometrici che introducono nozioni importanti (quali il fuoco della parabola, la direttrice di una conica) e gli enunciati di molti teoremi (tra cui quello esprimente la superficie e il volume delle figure di rivoluzione, riscoperto più di 1000 anni dopo da Guldino).

Claudia

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License